Washington D.C. by night

Ho sempre immaginato Washington D.C. come una città “istituzionale" e poco affine alla mia natura, del resto ho vissuto a Roma per 15 anni e sono abituata al caos, ai “profumi" (è la nostalgia che me li fa chiamare così, lo sappiamo tutti) ed ai colori che la nostra capitale ci offre.

La prima cosa che mi ha lasciata a bocca aperta è la maestosità della stazione (niente a che vedere con Roma Termini) e la vastità dei suoi spazi.

Tutta la città (o quanto meno la sua parte istituzionale e storica) ruota intorno al National Mall, un parco che si estende per circa 3 km e nel quale ti ritrovi a passeggiare tra il Lincoln Memorial e quello dedicato a Martin Luther King, l'obelisco e lo US Capitol.

Come una bambina non ho saputo resistere alla vista del ranger, al quale ho dovuto per forza di cosa chiedere una foto. Ma io lo so che potete capirmi, non siamo cresciuti tutti con Yoghi, Bubu e il Ranger Smith? 😀

In pratica tutto quello che c'è da vedere di “storico" lo trovi qui (e non dimenticare che tantissimi musei sono GRATUITI, quindi non hai scuse per non visitarli :P).

Per mancanza di tempo non ho potuto visitare tutto il National Mall (purtroppo sono stata a Washington soltanto per il weekend) e sono stata sfortunata con le “attrazioni" limitrofe poichè la Casa Bianca, ad esempio, era coperta dall'impalcatura prevista per la parata che ne copriva la vista (oltretutto la si può vedere solo da lontano attraverso i cancelli).

Anche perchè gran parte del mio tempo ho preferito dedicarlo alla visita dell'Holocaust National Museum, del Madame Tussauds (nel quale non ero mai stata in vita mia e morivo dalla voglia di visitare, ho diritto anche io alle mie foto da idiota con le statue) e alla ricerca della famosa scalinata de “L'esorcista", che si trova nel quartiere di Georgetown, uno dei quartieri più caratteristici e nel quale si concentra la maggior parte della vita notturna.

Dove dormire:

Scegliere dove dormire non è mai semplice per me, sono abbastanza esigente e “troppo vecchia" per accontentarmi di b&b o ostelli. Oltretutto occupandomi di marketing e comunicazione tendo a prediligere chi ha (quantomeno) un sito decente e faccia un minimo di attività online :D. Va da sé che coniugare tutte le mie esigenze non è impresa facile.

Dopo diverse ricerche la mia scelta è finita sul Melrose Georgetown Hotel, situato nel cuore della capitale e a pochi passi da Georgetown, la cui bellezza (oltre alla posizione perfetta) mi ha lasciata senza fiato.

Update:

Sono tornata per la seconda volta a Washington in occasione del mio compleanno (continua a non essere una delle mie città preferite) e questa volta ho voluto testare il Watergate Hotel, l'albergo in cui furono effettuate le intercettazioni che diedero il via allo scandalo nel 1972, con le conseguenti dimissioni dell'allora Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon

Un posto elegantissimo dove potete farvi coccolare nella SPA o persino pattinare sul ghiaccio sul tetto dell'hotel (cosa che io non ho ovviamente fatto dato il freddo assurdo :D). 

Big Bus tour

Visita il sito per acquistare il tour

Un piccolo consiglio:

Se avete poco tempo vale la pena acquistare il “deluxe tour" della Big Bus Tours che vi permetterà, per 2 giorni, di prendere ogni volta che lo desideriate uno dei pulman della loro linea, entrare al Madame Tussauds e fare il tour in notturna.

Ideale per chi non ama camminare e vuole sfruttare il più possibile il tempo a disposizione.

Conclusioni:

Sarà stato il freddo, ma la città non mi ha particolarmente colpita. Nonostante sia davvero bella, pulita ed organizzata manca di personalità. Ci lavorerei, ma non ci vivrei.

Mi riservo la facoltà di tornarci in primavera, quando evitando l'ipotermia potrò anche godere della bellezza della città di notte 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *